Login



Ricordami
Seguici su FACEBOOK Seguici su TWITTER

Morti caldi

Statistiche

  • Utenti attivi: 5425
  • Personaggi giocati: 10227
  • Personaggi morti: 2190
  • Inizio gioco: 4/11/2007

Alfredo Trentalange

Alfredo Trentalange

Alfredo Trentalange (Torino, 19 luglio 1957) è un ex arbitro di calcio italiano. Appartenente alla Sezione AIA di Torino, fece il suo debutto in serie A nel 1989, (Napoli-Pisa, con Maradona) e ha arbitrato più derby (2 Inter-Milan, 2 Genova-Sampdoria, e Verona -Chievo) e due finali di Coppa Italia. Nel 1993 venne promosso arbitro internazionale dall'allora designatore Paolo Casarin. In occasione degli Europei di calcio 1996, svolse le funzioni di quarto ufficiale di gara. Nel 1997 ricevette il prestigioso premio Mauro, massimo riconoscimento per i direttori di gara italiani; ha anche collezionato diverse apparizioni nella UEFA Champions League, l'ultima delle quali nel 2002 in occasione della gara Bayer Leverkusen-Olympiakos e in numerose altre gare internazionali, come Goteborg-Manchester(23/11/94), Sporting Lisbona-Real Madrid (22/09/2000), Legia Varsavia-Barcellona (28/08/2002), Francia-Germania (27/08/2001, allo stadio Saint Denis), in tutto 70, fra cui anche una semifinale di Coppa delle Coppe. Fu dismesso nel 2003 per raggiunti limiti d'età, dopo la gara d'addio in serie A tra Inter e Perugia. Ha arbitrato in tutto 197 partite nella massima divisione. Suo malgrado resterà famoso per l'errore commesso nel campionato 1998/1999 durante la gara di campionato Bologna-Sampdoria: i blucerchiati affrontavano una gara assolutamente da vincere per poter evitare di retrocedere in serie B; sul 2 a 1 per la Sampdoria Trentalange, all'ultimo minuto di gioco, concesse un rigore inesistente al Bologna per presunto fallo commesso ai danni del russo Igor Simutenkov, dopo aver sorvolato su un fallo più netto ai danni dello stesso calciatore; il calcio di rigore venne realizzato da Klas Ingesson e la Sampdoria retrocedette[1]. Di professione educatore (laurea in Scienze Motorie), è attualmente componente del Comitato Nazionale dell'AIA con l'incarico di Responsabile del Settore Tecnico, il cui presidente è Marcello Nicchi e contemporaneamente ricopre il ruolo di osservatore degli arbitri UEFA. Dalla primavera del 2008 è insegnante presso le scuole salesiane "Edoardo Agnelli", dove insegna religione. Fondatore dell'associazione di volontariato A.G.A.P.E. che si occupa di persone con disagi psichici.

Rss

Classifica TOP 50